Il digitale nella scuola

in collaborazione col Master in Filosofia del digitale e con il corso di Laurea in Filosofia e trasformazione digitale dell’Università di Udine

Il digitale ha modificato gli stili di pensiero, i linguaggi, le modalità, le forme della comunicazione e della trasmissione dei saperi. La scuola non può non tenerne conto. Il digitale ha cambiato il concetto di intelligenza, ora non più solo espressione di capacità individuali, ma anche di creatività collettiva e connettiva, fondata sul dialogo, la relazione, la partnership intersoggettiva, diffusa grazie alla rete. Per svilupparla conviene collaborare anziché competere. Il digitale ha cambiato il concetto di deuteroapprendimento, tradizionalmente definito come “imparare a imparare”. A volte infatti, è necessario “disimparare”, dismettere abitudini e routine consolidate, divenute non più efficaci o controproducenti ai fini della crescita della conoscenza.