vicino/lontano 2022

È “sfide” la parola-chiave che attraversa gli eventi di vicino/lontano 2022.

Ci eravamo illusi che non sarebbe accaduto mai più. E invece la guerra bussa di nuovo alle porte d’Europa. Una sfida alla democrazia e al diritto internazionale destinata a ridisegnare gli equilibri geopolitici.

È una sfida ormai non più rinviabile ripensare il nostro modo di vivere e la nostra stessa idea di mondo. Come possiamo rendere più sostenibile e meno ingiusto il modello “occidentale”, che  per troppo tempo abbiamo considerato un nostro diritto acquisito? Come ignorare che ne godiamo a scapito dei diritti di chi ne paga il prezzo più alto? A pagarne i costi sono le vittime di una globalizzazione che mostra evidenti segni di crisi e a entrare in sofferenza è lo stesso ecosistema del pianeta che abitiamo.

Così le nuove sfide sono ora la “transizione ecologica” e la “transizione energetica”, che ci trovano oggi più vulnerabili di ieri. Chiediamo agli scienziati e agli economisti, ma anche ai filosofi, di aiutarci a comprenderne la complessità e le incognite.

In tema di diritti – delle donne, dei giovani, dei lavoratori – vorremmo evitare la retorica di un discorso pubblico sempre più stanco, ripetitivo, astratto: vorremmo rimettere le parole nei corpi, nelle esperienze concrete, per cercare di comprendere le radici della discriminazione di genere, della disattenzione educativa, delle nuove forme di sfruttamento nel Terzo millennio.