Corpi minori

Il protagonista del romanzo, all’inizio della storia ha vent’anni, più di un talento ma poca perseveranza. Di una cosa però è certo, vuole lasciarsi alle spalle l’insignificanza e la marginalità della periferia e appartenere per sempre alla città, dove spera di trovare anche l’amore. Dovrà fare i conti con le derive del desiderio, in questi anni di cortocircuiti tra reale e virtuale, tra immagine ed esperienza. Capirà che non basta trovarsi nel luogo che si è sempre sognato, non basta l’amore. Si è inchiodati a sé stessi, in carne e ossessioni. Bazzi trova ancora una volta sintesi espressive illuminanti, disegnando un percorso di formazione ricchissimo e ultracontemporaneo.