Donna chiama libertà

CONCERTO
voce e violino LUCIA CLONFERO
voce e chitarra GIANA GUAIANA
voce e flauto BRUNA PERRARO
video di LAURA SCHIMMENTI

musica e parole di Una punta di rosso e Donna chiama libertà di Bruna Perraro
musica e parole di Saluterò di nuovo il sole di Giana Guaiana 
ricerca musicale e arrangiamenti di Bruna Perraro, Charlotte Dupuis e Giana Guaiana
in collaborazione con l’associazione Librerie in Comune nell’ambito del progetto “Udine per Nûdem”

“La musica è il suono del coraggio e della libertà. Non ha religione né etnia. Per questo attraversa tutte le frontiere e i divieti e raggiunge la destinazione prevista. La musica è i mille colori della natura ed è libera come la natura è libera. Voi, tre belle donne, con questo suono avete raggiunto il mio cuore”.
Nûdem Durak

Tre voci di donna imbracciano i loro strumenti per dedicare un concerto a tutte le donne e alla loro volontà di riscatto. I brani, una tessitura di canti inediti di canti d’autore e tradizionali, sono ispirati ad alcune donne coraggiose dell’area medio-orientale, di cui le interpreti cercheranno di tracciare uno schizzo. Sono donne costrette alla invisibilità, e intanto umiliate e vilipese, deturpate e violate. In ognuna di esse è rappresentato il destino di tante, troppe, altre donne “oscurate”. Tutte le loro storie meriterebbero di essere conosciute. Tutte meritano un gesto d’amore e di rispetto.

La videoclip di Laura Schimmenti mostra i disegni straordinari, clandestini, di Sepideh Gholian e delle altre donne incarcerate insieme a lei in una lontana prigione dell’Iran.