Ombris tal Infinît

Lettura scenica con musica e immagini sulla poetica di Carlo Sgorlon
a cura del TEATRO DELLA SETE
introduce EROS CISILINO
voci recitanti Caterina Di Fant, Michele Polo, Valentina Rivelli
musiche Giorgio Parisi
disegni originali Serena Giacchetta
montaggio digitale Marco D’Agostini
studio e drammaturgia Marco D’Agostini, Caterina Di Fant, Serena Giacchetta, Valentina Rivelli
traduzioni e consulenza linguistica Sportel Regjonâl pe Lenghe Furlane de ARLeF
produzione Teatro della Sete
Progetto finanziato da ARLeF – Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane

Eve e sintive la aghe sot tiere, e veve la cjaladure losche, e domave lis bestiis par vie che e jere une strie, o une agane, o alc dal gjenar. Ma chei plui usâts a pensâ a rifleterin che “agane” o “strie” no jerin si no peraulis par intindi feminis che la nature ur veve dât alc in plui di chês altris.

Eva è la protagonista di Ombris tal Infinît, il terzo romanzo in lingua friulana di Carlo Sgorlon, pubblicato postumo nel 2010 dalla Società Filologica Friulana. Grazie ai contributi di Franco Fabbro e Marco D’Agostini, curatori del volume Carlo Sgorlon. Scrittore e intellettuale friulano, edito da Mimesis nel 2020, lo spettacolo intreccia parole che Sgorlon ha scritto sulla propria vita, e su altri temi a lui cari, a brani tratti dal romanzo. Ad accompagnare la lettura, la musica dal vivo e i disegni originali ricreano le atmosfere, i personaggi e le vicende del racconto, nel segno della sua poetica e della sua concezione del mondo.