La “Santa” di Siacco

Per prenotazioni: 0432 1505543 oppure 393 1862527

Siacco (Povoletto-Udine), novembre 1926. Una giovane di 22 anni, Luigia Laurencigh, annuncia: “Giovedì 6 salirò al cielo e dopo quattro giorni tornerò in terra compiendo un grande miracolo oppure resterò al cospetto di Cristo”. Vestita nel candore delle vesti di una santa, alle ore nove cade come morta. I giornali locali e nazionali danno spazio all’avvenimento. Decine di migliaia di persone dal Friuli e da fuori regione con ogni mezzo raggiungono la località per visitare la “santa”. Le preoccupazioni delle autorità concertano di porre rimedio a tanta partecipazione. Alla mezzanotte di domenica 9, stabilito che la giovane è soggetto “pericoloso a sé e agli altri”, viene trasportata nel manicomio di Udine, fra le maledizioni dei devoti. Dimessa dopo due mesi, Luigia manifesta negli anni della sua vita, ogni venerdì santo, fenomeni straordinari.