La metà che ci spetta

Soffitti di cristallo che si guardano dal bassopay gapche separano uomini e donne, distanze tra generi che sembrano ancora incolmabili: per quanto tali questioni siano oggi al centro del discorso pubblico e suscitino polemiche spesso incendiarie, abbiamo ancora bisogno di riflessioni e di strumenti di analisi per poterle affrontare. Non basta lo sguardo di una sola prospettiva disciplinare, ma è cruciale riuscire ad avvicinare fra loro approcci diversi: quello dell’economia, che presenta dati e numeri delle distanze tra uomini e donne con effetti squilibrati sulla società in generale; quello della linguistica, che da anni è impegnata a diffondere un uso del linguaggio che sappia includere e rappresentare il femminile; e naturalmente quello di chi osserva e studia il fenomeno dal punto di vista delle teorie di genere.