La filosofia è un esercizio

anteprima nazionale

Nicola Gaiarin e Pier Aldo Rovatti riproducono la scena che caratterizza il volume appena pubblicato. Attraverso un gioco di domande e risposte, si discute della pratica filosofica presente nell’esperienza di Rovatti, dagli esordi milanesi come allievo del fenomenologo Enzo Paci fino agli esiti attuali come esponente di spicco del pensiero debole. Non è una semplice intervista, piuttosto un confronto in cui le risposte rilanciano le domande in una specie di amichevole corpo a corpo. Non è neppure solo un dialogo, perché vorrebbe proprio suggerire cosa può significare un “esercizio filosofico” e come esso possa costituire uno stile di pensiero che vada oltre i cliché di una filosofia calata dall’alto di una cattedra. Apre la scena Gaiarin con un’introduzione che ci fa entrare nel movimento di questo esercizio. La chiude Rovatti chiedendosi con quale “etica minima” possiamo imboccare in modo responsabile il bivio culturale di fronte al quale ci ha messo la pandemia.

Prenota il biglietto