Dopo. Che mondo sarà?

Sono molteplici, e spesso drammatici, i mutamenti intervenuti in questi ultimi anni nella politica mondiale, a partire dal dopo-guerra fredda e dal crollo del bipolarismo, che ha segnato l’inizio di una nuova era geopolitica. Ora, in una prospettiva post-pandemica, siamo obbligati a ripensare la struttura del sistema internazionale, ridefinendone i contorni. Uno sguardo geopolitico complessivo sul mondo del dopo-Covid19 prova a tenere assieme, individuandone la relazione, conflitti regionali – che sembrano distanti da noi, ma in realtà sono assai vicini -, guerre asimmetriche, mire egemoniche delle grandi potenze, ruolo dell’Europa, nuove forme di conflittualità giocate sul piano dell’economia e del digitale – che sono a tutti gli effetti “guerre” -, ribaltamenti di alleanze, nuovi bisogni di sicurezza e naturalmente l’imprevedibilità dei comportamenti umani.