Venerdì 11 Maggio
Ore 18.30 — Casa Cavazzini — Ingresso Gratuito

La Voce di Impastato

modera Cristina Savi

Peppino Impastato, giornalista e attivista siciliano, fu ucciso il 9 maggio 1978 a Cinisi per ordine del boss Gaetano Badalamenti. Quel giorno, il ritrovamento del corpo di Aldo Moro ne oscurò la notizia. Il cadavere di Peppino fu fatto saltare col tritolo, così da far pensare a un fallito attentato suicida. Solo la determinazione della madre e del fratello fece emergere la matrice mafiosa dell’omicidio, riconosciuta anni più tardi anche dal Tribunale di Palermo. Dopo il successo del documentario omonimo, La Voce di Impastato diventa ora un libro che traccia il percorso dell’inchiesta giornalistica che conduce a Mafia-Capitale e raccoglie sei anni di interviste ad alcuni tra i principali protagonisti dell’antimafia italiana. I testi sono accompagnati da un apparato fotografico in un rigoroso contrasto bianconero.