Spazi in poliloquio

INCONTRO

intervengono alcuni studenti del Liceo artistico Sello di Udine

Migranti: soggetti da assimilare nelle società di arrivo oppure portatori di diversità di cui cogliere il valore promuovendoli dalla condizione di persone invitate a integrarsi al ruolo di attori con diritto d’inclusione in un dialogo paritetico? A partire da approcci testuali e comunicativi di auto-traduzione, il progetto in fase di elaborazione “Spazi in poliloquio” è volto a favorire il dialogo all’interno di spazi abitati da persone provenienti da culture diverse. La proposta, fondata sulla pratica del “pensiero pendolare” elaborata da Francesca Rigotti, si ispira, tra l’altro, alle riflessioni di Benjamin, Arguedas, Gramsci e Flusser in materia di traduzione culturale in senso ampio.

 

Ospiti