Torneremo a percorrere le strade del mondo

PRESENTAZIONE

La pandemia di Covid-19 ha imposto una brusca frenata ai processi di mobilità, che avevano conosciuto una forte accelerazione negli ultimi decenni; ha imposto nuove forme di convivenza basate sulla distanza e la separatezza, eliminando un aspetto fondamentale dell’incontro con l’altro: il contatto consentito dalla mobilità. Tutti noi sentiamo il desiderio o il bisogno di spostarci, anche solo per ragioni commerciali o per il piacere di viaggiare come turisti. I flussi migratori trovano la loro origine soprattutto nel bisogno, nella necessità e nella fuga: guerre, calamità naturali, corruzione, scarsità di risorse sono le urgenze che spingono ogni anno milioni di persone a migrare. Su questo versante, Allievi propone da tempo soluzioni concrete per ripensare il significato di confine, controllare le frontiere, gestire i flussi, consentire una mobilità sostenibile sia per i luoghi di partenza che per quelli di arrivo. Costruisce una vera e propria teoria della mobilità, convinto che futuri possibili siano ancora da disegnare per tutti noi e ci rassicura: presto Torneremo a percorrere le strade del mondo.