Fondazione Giangiacomo Feltrinelli

Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Viale Pasubio, Milano, MI, Italia

Nel 1949 viene fondata a Milano, per iniziativa privata, la Biblioteca Giangiacomo Feltrinelli. Nel 1960 si trasforma in istituto e nel 1974 viene riconosciuta come Fondazione Giangiacomo Feltrinelli con DPR n. 423 del 27.04.1974. La Fondazione è un’istituzione di ricerca sociale e storiografica e di organizzazione culturale che opera a livello internazionale. Suo scopo è quello di promuovere lo studio delle discipline storiche, delle dottrine politiche, delle scienze sociali ed economiche, specie con riferimento alla storia e allo sviluppo del socialismo e dei movimenti operai nazionali e internazionali.

In particolare, la Fondazione Giangiacomo Feltrinelli incrementa la propria Biblioteca nei suoi molteplici settori, e il proprio Archivio di materiale documentario e manoscritto. Promuove la pubblicazione dei cataloghi della biblioteca e di altre pubblicazioni che l’attività della Fondazione rende opportune. Sviluppa gli scambi culturali nelle discipline storiche, politiche, economiche e sociali con enti (università, fondazioni, associazioni, istituti, ecc.) nazionali e internazionali. Pubblica ogni anno i risultati più rilevanti del suo lavoro negli “Annali”, editi in più lingue.

La Biblioteca – che aderisce alla rete SBN – e l’Archivio costituiscono uno dei più importanti patrimoni di fondi e di documentazione sui movimenti sociali e sulle ideologie politiche esistenti in Europa.

Il nuovo edificio dove la Fondazione Giangiacomo Feltrinelli ha trasferito la sua sede, inaugurato il 13 dicembre 2016, sorge nell’area di Porta Volta tra Viale Pasubio e Viale Crispi, nelle zone 1 e 9 del Comune di Milano. La nuova sede si sviluppa su circa 2.700 metri quadrati su cinque piani ed è affiancata da un edificio di Microsoft. Il progetto architettonico è firmato dallo studio internazionale di architettura Herzog & de Meuron.

L’obiettivo dalla Fondazione Giangiacomo Feltrinelli è di dare vita ad un nuovo, grande centro culturale urbano.

La Fondazione ha messo in atto un importante ampliamento della propria attività, che, pur mantenendo tutte le iniziative attuali e muovendosi nel solco della sua tradizione e della sua storia, la apre oggi e in futuro a nuovi linguaggi e a nuovi pubblici, rinnovando anche i servizi fino a oggi offerti ai lettori come biblioteca specializzata. In particolare, la Fondazione si propone nella nuova sede come uno dei principali elaboratori a livello nazionale di  programmi e di politiche culturali di respiro internazionale, ed è diventata un centro di aggregazione culturale della comunità urbana milanese, in collaborazione con le associazioni e le istituzioni culturali del territorio.

Grazie alle soluzioni architettoniche adottate gli spazi della Fondazione si prestano ad essere utilizzati per realizzare convegni, incontri, corsi, rassegne cinematografiche, letture, mostre, ascolto di musica dal vivo, installazioni  artistiche,  forme  di  arte  partecipata,  laboratori  didattici. Inoltre, in viale Pasubio, la presenza del punto vendita libreria consente l’organizzazione di iniziative congiunte.