Il festival 2018

L’1% de popolazion dal planet al è plui siôr di chel altri 99% che al reste. Al è un mantra che aromai ducj si ripetìn di timp. Cumò o savìn ancje che in Italie 4 milions e 700 mil personis a vivin intune cundizion di “puaretât assolude”. Altris 4-5 milions di citadins a jentrin inte categorie de “puaretât relative”. In compens, il 5% dai talians plui siôrs al à in man il 40% de ricjece nazionâl. Par chel che al inten il tas di disocupazion, al è al 10,8%; pai zovins al 32,2%.

Ma po dopo, di ce fevelìno cuant che o o vin iniment il lavôr tal timp dal capitalisim madûr e de rivoluzion digjitâl? Cui sono i lavoradôrs dal mont contemporani? Par chei che a àn un lavôr, la peraule clâf e je “flessibilitât”, che dispès si tradûs in “precarietât”. Cualis consecuencis aie sul ecuilibri e su la cualitât de vite des personis, massime pes feminis, cheste cundizion?

Ridimensionade a fuart la classe medie, intai ultins agns si è slargjade fûr di misure – e cuntune acelerazion straordenarie – la fuarpie socioeconomiche tra lis classis. Dulà e cemût si ise formade la disavualance dal tierç mileni? Cemût ise daûr a rispuindi la politiche a dut chest, cuant che il discontent dai escludûts al sabore rabie, risintiment e voie di podês fuarts?

Une sfide dificile pe nestre democrazie, clamade a contrastâ no dome la puaretât, ma a riecuilibrâ altris disavualancis che a podaressin corodi i dirits fondamentâi de convivence civîl, trasformant lis diferencis in discriminazion: di ses, di etât, di salût, di culture, di istruzion, di competencis, di podê, di religjon, di etnie…

Tacant di une analisi realistiche des disavualancis vieris e gnovis – che no tegni cont di ideologjiis precostituidis –, vicino/lontano chest an al vûl domandâsi se al sedi pussibil tornâ a partî di une avualance des oportunitâts che e garantissi il disvilup di ducj, adotant un pinsîr che al cjale lontan.

Al centri dal cuadri gjeopolitic consuet al è l’ingriviâsi progressîf dai disecuilibris e de conflitualitât intai rapuarts fra Stâts in grandis areis dal planet e in particolâr intal Medi Orient, dulà che la evoluzion dal conflit sirian e podarès, par altri, determinâ gnovis ondadis di flus migratoris bande i paîs europeans sul Mediterani.

A rivaran gnûfs dispatriâts. A domandaran di jessi socorûts e di vê un futûr di pâs. Sino preparâts a rispuindi cuntune politiche dal acet che e sedi responsabile e razionâl, e insiemi umane?

Ancjemò une volte, la jurie dal Premi Terzani e à viodût ben, premiant Domenico Quirico che al à rapresentât chel conflit in Succede ad Aleppo, propit intes sôs consecuencis dramatichis e dolorosis su la popolazion civîl di dutis lis formazions coinvoltis.

Infin, al è soredut ai zovins che vicino/lontano al à volût rimeti il compit di cjalâ il mont dal pont di viste dal futûr, butant la sfide di une assunzion improrogabile di responsabilitât viers dal ambient, che la sô salût e il so ecuilibri a varan di garantî un planet vivibil aes gjenerazions futuris.

calt-logo