Luoghi

Piazza Giacomo Matteotti

Piazza Giacomo Matteotti, Udine

Piazza Matteotti è meglio nota agli Udinesi come piazza San Giacomo: il toponimo fu cambiato nel secondo dopoguerra per ricordare il grande intellettuale ucciso dai fascisti nel 1924.

È il cuore e il “salotto buono” del centro storico di Udine: sotto le logge, ai quattro lati della piazza, numerosi caffè e negozi animano fino a tarda sera questo antico luogo.

E davvero qui, sedendosi al centro della piazza, ai piedi della fontana progettata da Giovanni da Udine ed eseguita dal Mastro Cipriano nel 1543, è possibile osservare quasi otto secoli di storia udinese. La fontana era collegata, con un ingegnoso acquedotto sotterraneo, a quella, contemporanea, di piazza Libertà.

Piazza Matteotti è una delle più antiche del capoluogo friulano: chiamata nel medioevo “Piazza del mercato nuovo”, era anche sede delle esecuzioni capitali.

Il toponimo piazza San Giacomo deriva dall’omonima chiesa, fondata nel 1378, ma la cui facciata, rivestita in pietra d’Istria, attualmente ha forme cinquecentesche. Fu progettata da Bernardino da Morcote: sopra il portale si apre un balconcino con altare che serviva per celebrare la messa all’aperto, in modo che i venditori del mercato potessero ascoltarla. Accanto alla chiesa vi è la cappella delle anime, edificata nel 1650, la cui balconata è sormontata da statue di santi, scolpite a metà del 1700.

Poco distante dai due edifici religiosi si trovano la colonnina con la statua della Vergine Maria con bambino del 1487, scolpita da un artista di scuola lombarda, e un pozzo ottagonale chiamato Lanterna di Diogene.

Sugli altri lati della piazza è un susseguirsi ininterrotto di palazzi signorili di epoche diverse, caratterizzati dai loggiati del pianterreno e da un consistente sviluppo in altezza.