Luoghi

Largo Ospedale Vecchio

Largo Ospedale Vecchio, Udine

Prende il nome dalledificio che oggi ospita il Tribunale di Udine, l`ex Ospedale di Santa Maria dei Battuti. Progettato da Pietro Bianchi, architetto e scenografo collaboratore del Guardi a Venezia, il fabbricato venne costruito sul terreno dove sorgeva il demolito convento di San Francesco, di proprietà della Confraternita dei Battuti. Lo acquistò l`Amministrazione cittadina, accogliendo la proposta dell`Arcivescovo Gian Girolamo Gradenigo che si fece carico del progetto composto da dodici tavole, oggi conservate presso la Biblioteca comunale di Udine. La cerimonia della posa della prima pietra ebbe luogo il mattino del 23 giugno del 1782 alla presenza dell`Arcivescovo. Il fabbricato non era ancora ultimato quando, nel 1813, divenne sede dell`ospedale dell`esercito francese. Dopo cinque anni fu la volta degli Austriaci che lo utilizzarono per il ricovero dei militari per oltre un ventennio. Finalmente, nel 1833, il fabbricato -ancora incompiuto- apriva le sue corsie ai civili, dando ospitalità anche agli ammalati di mente. Assolse, negli anni seguenti, funzione di Ospedale provinciale degli esposti e delle partorienti, di Ospedale psichiatrico nel 1904 e di Ospedale per le malattie infettive nel 1907 e un suo reparto ospitò malati cronici ricoverati presso la Casa di riposo. I posti letto erano quattrocento e servirono alla degenza dei militari austriaci durante la prima guerra mondiale.
Nel 1924 venne posata la prima pietra del nuovo ospedale, in Chiavris, alla presenza del re Vittorio Emanuele III.
Lasciato libero il vecchio monumentale edificio, vennero i giorni dell`attesa di una nuova sua destinazione che si protrassero per anni. Nel vecchio ospedale trovarono provvisoria collocazione il Museo di Storia Naturale, la Fiera della Casa Moderna, l`Ente comunale di Assistenza, e un “rifugio” per teatranti in cerca di una sistemazione.