Premi Terzani 2017

La quarta parete, il romanç dal reporter e scritôr Sorj Chalandon – publicât in Italie di Keller (traduzion di Silvia Turato) – al à vinçût la XIII edizion 2017 dal Premi Leterari Internazionâl Tiziano Terzani. Sorj Chalandon al sarà premiât sabide ai 13 di Mai li dal Teatri Gnûf “Giovanni da Udine” (aes 21) dilunc di une serade-event, di simpri il moment plui spietât dal Festival vicino/lontano, che intal 2005, in colaborazion cu la famee Terzani, al à istituît il Premi.

La Jurie che e à assegnât il prestigjôs ricognossiment e je componude di Giulio Anselmi, Enza Campino, Toni Capuozzo, Tommaso Cerno, Marco Del Corona, Andrea Filippi, Àlen Loreti, Milena Gabanelli, Ettore Mo, Carla Nicolini, Paolo Pecile, Valerio Pellizzari, Peter Popham e Marino Sinibaldi.

«O ai savût cun emozion dal Premi – al à declarât Chalandon – e o ai acetât la notizie cun braùre e umiltât, parcè che al è un ricognossiment intestât a un grant om. Il gno lavôr di romanzîr al scomence dulà che al finìs chel di reporter. In Liban il gno tacuin al jere viert simpri su dôs pagjinis, su chê di drete o scrivevi i fats, regjistrant la realtât cemût che le viodevi; su chê di çampe o notavi invezit lis emozions e lis reazions plui intimis devant di chel che o vevi vivût. Di fat chest libri al met dongje dutis lis pagjinis çampis dai miei tacuins libanês. E je la ocasion, par un piçul francês, par un piçul gjornalist, par un piçul scritôr, di jessi ca, cun voaltris, intune altre lenghe, e contâ, in maniere universâl, la dificoltât di tignî front ae vuere; la pôre di tignî front ae pâs».
«La quarta parete al è un romanç che al elimine la distinzion dai gjenars leteraris, che al met in ombre analiscj e storics, che ju riassum e ju scjavalgje – a recitin lis motivazions pe assegnazion dal Premi Terzani 2017 – Al è un romanç scrit “cuntune pavee intal cjâf, e cuntun cûr di masse” cemût che al dîs un dai protagoniscj. Propit cheste narazion emotive, che e trascure comandants e siglis di armis, e va di là dal confin libanês e i limits dal calendari. Chalandon al à sperimentât la violence a Beirut, in Afghanistan, in Irlande, intal timp il so dna al è cambiât. I son volûts plui di trente agns par elaborâ i maçalizis che al à viodût intant che a sparivin i cedris e a cressevin lis maseriis. Fra mieç a vegnin fûr lis tribulazions di dut il Medi Orient dopo de stagjon coloniâl dai protetorâts, dai confins dissegnâts dai forescj cu la rie, fin aes cronichis di chescj dîs di Aleppo e di Mosul. Ancje lis maseriis di Palmira a àn ospitât la orchestre di Sant Peterburc. Il teatri de vuere nol siere mai. La quarta parete al è tant che un grant afresc cence timp e cence curnîs».
Sorj Chalandon (Tunis, 1952) al à lavorât dal 1974 al 2007 tant che corispondent e reporter dal cuotidian francês Libération, documentant diviers dai conflits plui trements dai ultins decenis: al è stât in Irak, Iran, Somalie e Afghanistan, e a Beirut intal 1982, dulà che al è stât tra i testemonis de stragje intal cjamp rifugjâts palestinês di Sabra e Chatila: “Al è li – al à confessât – che o ai salvât in me ce che un om al abandone intant che al cjamine intal sanc di altris oms. Un gjornalist al à di jessi in stât di contâ la vuere cence cedi al vaî, e jo no ai vaiût. (…) Cussì o ai decidût di rimeti a Georges lis mês lagrimis, la mê rabie, i miei dubis, lassant soredut che al las dulà che jo no jeri lât, di là di ce che la vuere e gjave ai oms”. Tra i siei romançs, tradots in tancj paîs: Il mio traditore (Mondadori 2009) e Chiederò perdono ai sogni (Keller 2014).

Traduzion par cure de ARLeF
ARLeF